Al Bavôll dal Paròli Arşâni

Qui di seguito il nostro scrigno delle parole del dialetto reggiano proprie del nostro dialetto, sia per vocabolo che per significato ad esso attribuito. Speriamo vogliate contribuire in tanti ad arricchire questi contenuti.

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M
N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

A

A

aldâm

concime, letame, stallatico

alséja, alsíja

la lisciva per il bucato

altēra

testata del letto

alvadòur

lievito per il pane

amanî

pronto, apparecchiato

anvêda

nevicata

anvòud

nipote

apéli

pretesto; piantagrane, pignolo

apiètt (a piēt)

del tutto,completamente, a tappeto, sistematicamente

arcavêr

dare a un neonato il nome di un avo

ardinsêr

risciacquare

arèint

accanto, rasente, vicino, adiacente

arèla

stuoia di canne intrecciate, in uso per allevare i bachi da seta

arghgnée

si dice del naso dei nobili, arricciato per la puzza sotto al naso

arijna

brezza, arietta

arléia (arlía)

irritazione nervosismo

arliòus

antipatico, irritante, dispettoso

arlòj

orologio

armes’cêr

mescolare, rimescolare

arparèla

rondella

arşintèla

lucertola (vedi anche sgrintèla)

arsóm

aridità, secchezza

arsôr

refrigerio, ristoro

arviôt

pisello, come in francese ma pronunciando la t finale

arvòj, arvujêr

ripiegatura; avvolgere, torcere

arvûlt

capitombolo; scompiglio; sottosopra

B

B

babiâs (babiòun)

babbeo

bacajamèint

schiamazzo, vocio

bacajêr

urlare, vociare

bâch, bachèda

orma, pesta

bachêr

pestare, mettere i piedi (su qualcosa)

baciôch

battacchio della campana

badacêr

boccheggiare (come di pesci)

bagaj, bagajn

ragazzetto, fanciullino – traslato come persona inaffidabile o anche come cosa qualsiasi

bagatèin

balocco, ninnolo, carabattola

bagiân

minchione

bàito

bordello, casa di tolleranza, disordine, confusione

bajôch

soldi, denaro

balôs, balûs

castagna lessa; testicoli

balsòun

ciambella senza buco

balutèin

imbroglio, raggiro, sotterfugio

bambasòun

sempliciotto, bamboccione, scmunito

bancalôt

davanzale (di finestra)

barbajòun

ciancione, farfuglione

barichèll

scaffale, impalcato a sostegno di stuoie

başèin (al)

luogo dove non batte il sole, contrapposto a soléi

başlèta

bazza, mento un po’ prominente

başlôt

catinella, catino

basòura (à la)

imbrunire (all’)

bēda

bietola; schiaffone; pallonata violenta

béiga

membro maschile; situazione difficile

béiga suchèra

toporagno

bèndla

donnola

berciuclîn

berrettino

berlôch

imbranato, incapace, in difficoltà

berlòsch (lòsch)

strabico

berşōl

brufolo, foruncolo

bésa

biscia

bésa bōga (a)

qualcosa di tortuoso (anche in senso figurato)

beschésel, sbeschésel

capriccioso, stravagante, schizzinoso, permaloso

bèsi

quattrini, soldi

bestréghel

strigolo, rete grassa aderente a budella animali

biâs (fêr i)

bocconi di cibo premasticato che gli adulti facevano per i bimbi piccoli

biasêr

biascicare, masticare

bida

sterco delle vacche, in particolare la deiezione che si spiattella al suolo in forma caratteristica

bindèla

legaccio

bindèl

sega a nastro per legna (da brandello)

blèdegh

solletico

blèin

giocattolo; grazioso, carino

bléşga

scivolo

blişghêr

scivolare

blória (fêr dla)

bella mostra (fare di sé)

bòcla, bòcleina

cerchietto per orecchie, orecchino

bôda

rospa, cicciona, grassona, spocchiosa, vanesia

bóla

segatura

bounalana

persona scaltra e maliziosa; un poco di buono

bounamân

gratifica, mancia

bounifèsti

mancia (per Capodanno, Pasqua, Natale)

branchêda

manata, manciata

brasadèla

ciambella con forma ritorta così che un capo e l’altro si abbracciano

bréch

ariete, montone; cocciuto, testardo; bricco; mattone

briglêr

gingillarsi, perder tempo

brònza

pentola, pentolone; campanaccio

brósca

liquore forte e brusco

brotvèder

cosa sgradevole a vedersi; brutto comportamento

budriga

ventre prominente

bugadêra

lavandaia

bugadēra

lavanderia

bughêda

bucato

bugnòun, bógna

grosso brufolo, rigonfiamento

bujuda

bollita, bollitura

buraciòun

caos, burrasca

burâs

strofinaccio per asciugare le stoviglie, italianizzato spesso a Reggio in burazzo

busilân

ciambella con buco al centro

bzèbza

donna bisbetica e maligna, bimbetta vivace e chiacchierina

bzètt

bilancina di precisione

C

C

cagnóss

odore di cane bagnato che prende il bucato asciugato male

caldarèin

secchia di rame; recipiente da muratore

calézna

caliggine, fuliggine

campanòun

campana grande; persona alta e un po’ “imbranata”

canalóss

esofago, canna della trachea

caradòun

strada di campagna per passaggio carri

casagaj

polentina con fagioli

caşânt

inquilino, pigionante

castròun

grossa cicatrice; brutto rammendo

catêr

trovare, rintracciare, reperire

cavâgn (cavagnin, cavagnōl)

canestro, paniere con manico

cavâs

tronco o ramo primario dell’albero

cavcêda

bastonata, randellata

cavcèla

caviglia

cavdagna

carraia lungo i fossi e i campi

cavdòun

alare (del caminetto)

cavécc

piolo, legnetto per piantare

cavlèina

caolino

céno

garzone di bottega

cèrga

chierica, tonsura

cerghîn

chierichetto

chegabâl

contafrottole, bugiardo

chegapòj

coccola del biancospino

chervêda, chèrna

carne greve

ciapèin

cosa da poco

ciapètt

molletta per panni

ciapunêr

abbottonare

ciavēda

fregatura; anche coito

ciocabèch

barba di becco, piantina erbacea con fiori gialli, i cui germogli più teneri erano una risorsa contro la fame

ciocapiât

persona non affidabile, che non mantiene la parola; chi ha più apparenza che sostanza

ciôch

schiocco, scoppio

ciôld

chiodo

ciôpa

coppia di pane

ciucarōla

scoppietto, mortaretto

ciûnt

sodo, ben in carne, florido, prosperoso

ciupêr

sguinzagliare

ciuşêra

porcilaia

cócc

spinta, incoraggiamento

cóch

cucco, detto anche di colpo in testa con una nocca

côch

cocco nel senso di più amato

còdga

cotica, cotenna

côregh

corba, cestone

criclèint

sporco, impiastricciato

cridêr

redarguire,sgridare, rimproverare

crudêr

cadere, cascare dall’albero; arrendersi, cedere

cruşēra

gruccia, stampella per abiti

cucêr

spingere

cujòsì

caro mio.., a saperlo…

cumbinôs

accordo, trattativa (specialmente in segreto)

cùmpêr

non di propria produzione, acquistato

cunêr

cullare


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST

2 commenti

  • Vi segnalo “soverman” (non so come va scritto) che definirei: spiccata abilità manuale a fare una determinata cosa

    • Buongiorno Gian Franco, grazie per la segnalazione che abbiamo già provveduto ad integrare nel nostro elenco.

Lascia un commento