Al Bavól – C

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M
N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

C


cagēda

cagliata

caghèt

diarrea

cagnós

odore di cane bagnato che prende il bucato asciugato male

caldarèin

secchia di rame; recipiente da muratore

caléşna

caliggine, fuliggine

cambrêres

rapprendersi di olio o brodo

campanòun

campana grande; persona alta e un po’ “imbranata”

canalós

esofago, canna della trachea

canèla

mattarello

cantèin

corda di strumento, cavillo,tasto delicato

capôlegh, capôlga

opulente, rigoglioso

caradòun

strada di campagna per passaggio carri

carşêdi

impronte del carro su percorsi sterrati, carreggiate

casagaj

polentina con fagioli

caşânt

inquilino, pigionante

caşèl

caseificio

cassòun

forte raffreddamento con tosse cavernosa

castròun

grossa cicatrice; brutto rammendo

catêr

trovare, rintracciare, reperire

cavâgn (cavagnin, cavagnōl)

canestro, paniere con manico

cavâs

tronco o ramo primario dell’albero

cavcēda

bastonata, randellata

cavcèla

caviglia

cavdagna

carraia lungo i fossi e i campi

cavdèin

capezzolo

cavdòun

alare (del caminetto)

cavéc

piolo, legnetto per piantare

cavêr

togliere, levare, estirpare – (anche in senso figurativo)

cavêres şò

svestirsi, spogliarsi

cavlèina

caolino

céch

piccolo

céno

garzone di bottega

cèrga

chierica, tonsura

cerghîn

chierichetto

chegabâl

contafrottole, bugiardo

chegapòj

coccola del biancospino

chervēda, chèrna

carne greve

ciapèin

cosa da poco

ciapêr

prendere, acchiappare

ciapèt

molletta per panni

ciapunêr

abbottonare

ciavēda

fregatura; anche coito

ciavga

chiavica, fogna, cloaca o paratoia per regolare il flusso in un corso d’acqua

cichêr

masticare tabacco

ciocabèch

barba di becco, piantina erbacea con fiori gialli, i cui germogli più teneri erano una risorsa contro la fame

ciocapiât

persona non affidabile, che non mantiene la parola; chi ha più apparenza che sostanza

ciôch

schiocco, scoppio

ciôld

chiodo

ciôma

chioma, criniera

ciôpa

coppia di pane

ciorciòla

carne flaccida, flaccidume; vulva di scrofa

ciôsa

chioccia

ciucarōla

scoppietto, mortaretto

ciucêr

succhiare

ciûnt

sodo, ben in carne, florido, prosperoso

ciupêr

sguinzagliare

ciuşêra

porcilaia

capo (in tutti i sensi del termine, non di comando)

cócc

spinta, incoraggiamento

cóch

cucco, detto anche di colpo in testa con una nocca

côch

cocco nel senso di più amato

còdga

cotica, cotenna

cóghel, còghel

nassa per pescare

colmégna, culmégna

parte più alta del tetto

comèta, cumèta

aquilone

copèin, cupèin

retro del collo, tra nuca e spalle

coprōl, coprolèin, cuprōl

coperchietto avvitato (tipo valvola da bicicletta)

côregh

corba, cestone

créch

schicchera; movimento a scatto di indice o medio facendo leva sul pollice

criclèint

sporco, impiastricciato

cridêr

redarguire,sgridare, rimproverare

cròj

cercine, panno ravvolto in forma di cerchio, che si mette sul capo per sostenere pesi

crudêr

cadere, cascare dall’albero; arrendersi, cedere

cruşēra

gruccia, stampella per abiti

crûşil

crocicchio, incrocio di strade

cucêr

spingere; anche cucchiaio

cudrégn, scudrégn

resistente, non malleabile, duro da cuocere

cujósì

caro mio.., a saperlo…

cumbinôs

accordo, trattativa (specialmente in segreto)

cumpagn

proprio come

cùmpêr

non di propria produzione, acquistato

cunêr

cullare

cunsèla

fungo porcino

cunsêr

condire; accudire, governare il bestiame

curam

cuoio

curşôl

segni di cinghiate sulla pelle


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST

DISCLAIMER | COOKIE POLICY | PRIVACY POLICY

Lascia un commento