Al Bavóll – D

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M
N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

D


dabòun

davvero, per davvero

damând

uguale, proprio come

daquêr

annaffiare

deschêlsa

a piedi nudi, scalzo

deşdêres

svegliarsi

dito

dî céch (dî mamlèin)

dito mignolo

dî dl’anèll

dito anulare

dî ’d mèş (dî dal didêl, dî dal guânt)

dito medio

dî drétt (dî sfurdigòun, dî şmucladōr)

dito indice

dî grôs (dî piuciòun, dî schesapólegh)

dito pollice

didēl

ditale

dimòndi

molto

dişnêr

desinare, pranzo

dôrmia

sonnifero, anestesia

dòunca

dunque

drée

dietro oppure lungo.. (lungo la via)

dşerbêr

diserbare

dşèved

insipido; anche banale, insignificante, insulso

dsòver

di sopra, andêr dsòver = straboccare

dugarōl

addetto alla bonifica; chi da acqua ai prati

E


êlbi

abbeveratoio, conca, trogolo

èndeş (pusêr cm’un)

odore d’uovo marcio, da èndice, l’uovo di marmo che si metteva nel nido delle galline

êra

aia

erbòuni

prezzemolo (le erbe buone)

êrch (êrch celèst, êrch dal sgnōr)

arcobaleno

êşen

asino, somaro

F


fagnînt, fégnan

ozioso, sfaticato

faléstra

favilla, scintilla; anche fiocco di neve

fédegh

fegato

fēlsi (al)

morbillo; rosolia

fèra

falce

ferdōr

raffreddore

fiâp

floscio, molle

fighètt (fêr un)

schivare un ostacolo per pochissimo

filóma

miseria, povertà

filòss, fêr

le chiacchiere di quando ci si riuniva nella stalla

filsa

matassa

filòun

chi la sa lunga ma si finge ingenuo e dissimula

flènga

scartina, che conta poco, anche riferita a persona di scarso valore

flépa

testimone di nozze della sposa

flósca

fiocco di neve rado e leggero

fluschêr

quando cadono fiocchi di neve molto radi e leggeri

fóbia

frusta di ramo di salice

fodrèta

federa

forsèina, fursèina

forchetta

frâp

fabbro

frēda

inferriata

frégn

di mattone cotto male

frêra

fabbro

frēva

febbre

fróşna

grinta aggrottata; cattivo viso

fróst

liso, consunto

fugasa

forma di graspi pressati da bruciare nella padella per scaldare il letto d’inverno; anche marinare la scuola

fughètt

focherello, fuoco d’artificio

fujēda

sfoglia di pasta all’uovo

fulminânt

fiammifero, zolfanello

fumana

caligine, nebbia fitta; anche andare in bestia

furmintòun

granturco, mais

G


gabanèla

pennichella, pisolino pomeridiano

gabla

raggiro, trappola

galabróşna, galavêrna

nebbia ghiacciata

galavroun

calabrone

galinèla

merda di gallina, soprattutto quando usata per concimare

galóster

pollo mal capponato (castrato male)

galòun

coscia, voltêr galòun = rimettersi a dormire

gambóss

parte terminale del prosciutto, la più stretta e con le fette più piccole

ganasa, ganasòun

gradasso, spaccone

garabatla (şgarabatla)

bazzecola, cosa di poco conto

garapèina

cispa agli occhi

garghinèla (èser in)

essere in equilibro instabile

gargōla, gargôtla

catapecchia, tugurio

garól, garóll

gheriglio della noce

gaşóo (i)

varicella

gatamógna

gattamorta, sornione (si dice di chi si finge ingenuo)

gavēl

paletta in ferro per la cenere

gêra

ghiaia

ghégna

faccia, viso

ghêrb

garbo

ghignōş, inghignōş

antipatico, indisponente

giandlòun

persona pidocchiosa lercia – con giandla si indicava il lendine (uovo di pidocchio)

Giarêda

festa della Madonna della Ghiara

giarèla, giaròun

sassolino, sasso grosso

giâs

ghiaccio

gingîn

bellimbusto, damerino

gintêra

gentaglia

gióngla

ghiandola

giòster

cespo d’insalata

giòtt

florido, paffuto; ben condito; consistente, solido

giublêr

andare a grande velocità

gmişèll, mişèll

gomitolo

gnacra

livido, ematoma

gnagna

pelle della nuca; zazzera del collo; anche apatia, indolenza; lagna

gnân, gnanch

neanche

gnatòun

lento di riflessi e comprendonio

gnint

niente

gnóca

testa, capo

gnôla

cantilena monotona; tono monotono della voce; lagna, lamento insistente

gòcia

ago da cucire

góns, gòuns

gozzo degli animali

gòsa

goccia

gòunsa

gozzo dell’uomo

gôşel

zolla di terra rivoltata dopo l’aratura

gramla

gramola, impastatrice

gramustèin

vinacciolo

granēda, granêra

scopa, ramazza

grasō

ciccioli

grópp

nodo; gruppo

grupêr

annodare

guasadōr

guazzatoio (per abbeverare animali)

gucêda

la quantità di filo che si usa con l’ago di volta in volta

gubiòun, in

ripiegato, ingobbito

gudiōl

gaudio, spasso, piacere

guerdabâs

ipocrita, subdolo, infido

gugiōl

maiale

gultòun

orecchioni

gusadór

di maschio particolarmente disposto all’atto sessuale

gusadóra

luogo adibito a consumare l’atto sessuale

gusêr

arrotare, affilare; anche scopare (atto sessuale)

guşètt, aguşètt

scoiattolo

gvéndel

arcolaio; anche gioco tra ragazzi tenendosi in due per mano e roteando vorticosamente


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST

DISCLAIMER | COOKIE POLICY | PRIVACY POLICY

Lascia un commento