Al Bavóll – S

A | B | C | D | E | F | G | I | L | M
N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

S


şabariôt (şaberiôt)

camice da lavoro; giacca vecchia; pastrano, soprabito, cappotto

saca, sachēda

tasca, contenuto di una tasca

şacagnêr

scuotere; arrabattarsi, tribolare

şachée

sdraiato

şaclèint

inzaccherato, sporcato

şâl

giallo

salèin

saliera

salghée

selciato

sandròun

scioccone, stupidone

şanfēda

ventata improvvisa di un profumo intenso o di odore sgradevole

şanfêr

acciuffare, ghermire

sangiòtt

singhiozzo

sapèll

fanghiglia, melma; situazione intricata

sarabiga

zanzara, anche sinsêla

sarafa

individuo losco, infido

sarêr

chiudere

sarfòj (serfòj)

trifoglio

sarfujêr

parlare in modo confuso e poco comprensibile

şarşaclòun

sciattone

şavâj

rigattiere; persona da poco

savorètt, savurètt

sciroppo da mele e pere bollite con aggiunta di scorza di limone

şbadâc, şbadacêr

sbadiglio, sbadigliare

şbafi

baffo, baffi; sgorbio

şbamblée

non in squadro, deformato, poco in bolla

şband (in)

riferito a porte o finestre tutte aperte, ma non fermate

şbartalôt

scappellotto

şbêrciulée

abbacchiato, depresso; cappello sformato

şberiòun

ciocche di capelli ribelli

şberlànsa

altalena

şberlechêda

leccata

şbêrtunèe

abbacchiato, depresso; cappello sformato

şbiâved

insipido, anche sbiadito

şbisulêr

serpeggiare

şbraghêr, şbrêgh

rottura, rompere

şbraj, şbrajêr

urlo, urlare

şbrislêr

sbriciolare, sgretolare

şbulfrēda

ventata improvvisa

şbulfrêr

sbuffare

şburdaciòun

persona che sbrodola quando mangia

şburdighêr

sfrucugliare

şburlòun

spintone

şbuş

laterizio forato

şbuşîr

forare, bucare

şbuvacròun

gran bevitore, ubriacone

scachètt

noccioline, arachidi

scaja

scheggia, scaglia; anche prostituta

scalfarôt

calza di lana fatta a mano, quartino di vino

scalmâna

gran calura

scancrêr

arrabattarsi con stizza intorno a qualcosa

scanfugnadòur

derisore, schernitore, sfottitore

scanfugnêr

deridere, dileggiare, schernire, sfottere

scâns

pugno sotto un’ascella, gomitata a un fianco

scantanâder

dritto, furbacchione

scantêres

svegliarsi, darsi una mossa(usato all’imperativo)

scapèin (in)

essere con le calze, ma senza scarpe

scapèin (aveir)

odore e sapore che prende il grana un po’ andato

scapinèla

tallone dei calzini

scaravûlt

capitombolo, rovesciamento, disordine (anche fisico)

scarfóla (scarfoj plur.)

foglia di cipolla

scarpulèin

calzolaio

scarughē

sconnesso, non uniforme, anche scompigliato

scavagnée

malandato, malconcio, malridotto, sgangherato

scavdagnêr

invertire la marcia in fondo alla cavdagna

schersgnir

scricchiolare

schèsapioc

polemico all’eccesso

schèss

mogio, depresso, defilato

schisagnêr

pigiare disordinatamente

schisêr

schiacciare

s’ciaf

schiaffo

s’ciànch

lacero

s’cianchel, s’cianclein

porzione di grappolo d’uva

s’ciànchêr

strappare, lacerare

s’ciapa

schiappa, poco capace al gioco

s’ciapēda

fenditura, fessura, spaccatura

s’ciapéla, anche flépa

spicchio di mela essiccata al sole

s’ciapunèe

sbottonato

s’ciarèla

diradamento, chiazze nei capelli per alopecia

s’ciflêr

fischiare

s’cîn

secchio

s’cióma

schiuma

s’ciôp

fucile, schioppo; tipo disinibito, sfrontato

s’ciôpla (sfiôpla)

vescica

scmintires

avvilirsi, demoralizzarsi, sgomentarsi

sconşóbi, scunşóbi

quantità esagerata, enorme

s’côpla

scappellotto

scória

frusta, staffile

scrana

sedia, seggiola

scriclêr

pulire, togliere lo sporco

scudlôt

barattolo

scudrégn, cudrégn

resistente, non malleabile, duro da cuocere

scultèin

conversazione sottovoce, conversazione all’orecchio

scultòun

individuo curiosone, che sta sempre con l’orecchio teso

scumachée

ammaccato, non integro, di frutti “toccati”

scundrōla

nascondino (gioco)

scunîr

lasciar sgocciolare

scupasòun

sberlone, scapaccione

scûr (dal fnèstri)

imposte

scurtòun

scorciatoia

scutmâj

soprannome

şdarèina

spazzola per il bucato

şdas

setaccio

şdòur

capofamiglia, padrone di casa

şdòura

massaia, moglie del capofamiglia, padrona di casa

şduchèe

maleducato

sècc

secchio, quello in casa con l’acqua fresca del pozzo

sècia

secchio grande

sedròun

cetriolo, savéir ed sedròun

sèimpi

scemo, sciocco; scempio cioè a un capo solo, non doppiato

sèj

sete

sēlda

terreno lasciato a pascolo

sèler

sedano

séma

cima, sopra (in şèma al péchi)

sèndra

cenere

séss

liquame (italianizzato a volte a Reggio con sisso)

sēva

siepe

sfiôpla, s’ciôpla

vescica, nel piede o nella mano

sfraschêr (i fulşèll)

agitare le frasche (levare i bozzoli)

sfrîş

sfrido del taglio

sfrîş, de

di striscio

sfrucêr

infilare

sfrucîn

frugoletto

sfrûş, de

di sotterfugio

sfurdighêr

frugare mettendo sottosopra (quasi intraducibile)

şgabajêr

togliersi d’impiccio, tagliare la corda, sottrarsi, andare via

şgag

sveglio, intraprendente

şgagnêr

masticare con forza (o con difficoltà), in modo visibile

şgagnée, şgagnēda

morsicato, morsicata

şgalèmbèr

storto, non perpendicolare

şgalmēder

accorto, scaltro, sveglio, disinvolto

şgarbasa

la parte verde dei cipollotti

şgarbujêr

sbrogliare, districare

şgargotlêr

gloglottare (verso del tacchino)

şgarlètt, garlètt

tendine di Achille

şgarlires, şgherlîres

svegliarsi, emanciparsi, darsi una mossa

şgavlèe

sbilenco, che ha le gambe storte

şghègia

miseria

şghêr

segare, falciare; bocciare a scuola

şgherbiêr

graffiare, escoriare

şgherblèint

occhio arrossato e cisposo

şgiavra

quando nevica un misto di acqua e ghiaccio

şgnânghel

porzione di grappolo d’uva

şgnanglòun

piagnucolone

şgòmber

ripostiglio, disimpegno

şgrincêr

pulire a fondo energicamente, sgrossare

şgrintèla

lucertola (anche arşintèla)

şgrisòur

brividi di freddo o di febbre

şguasarôt, şguasaròun

temporale improvviso, breve ma intenso

şgugnêr

pedalare con lena (fig.: darsi da fare)

şgurêr

pulire, lustrare, lucidare

sía (sîjna, sina)

zia

şibîr

offrire, proporre

sifórr (zifórr)

autista (dal francese “chauffeur”)

sighēl

paletta per la cenere (anche gavèl)

sighêr

piangere (dei bambini)

sigòla

cipolla

silâch

sputo catarroso

simpioun

stupido, finto tonto

sinsēla

zanzara, anche sarabiga

sirèla

carrucola

siróch

percosse sul capo strisciando forte le nocche

sirudèla

carrucola cigolante; filastrocca popolare (a rima baciata)

şirlunşòun (şirunşòun)

contrabbasso; pastrano

sîş

cece, ceci

şişloun

trasandato, poco attivo, svogliato

sisloun

che ha difetti di pronuncia con la s e la z

sişouri

forbici da sarto

şlatèe

emancipato, smaliziato

ş

gelato

şlèiş

logoro, liso, sdrucito

şlépa

sfortuna, disdetta; fame, languore di stomaco

şlovée, şluvèe

permanentemente affamato

şlumîr

adocchiare, scorgere, intravedere

şmafla, şmaflòun

manrovescio, sberla

şmarinêr

scongelare, usato anche in senso fig.: smareinèt! (svegliati, datti una mossa!)

şmarmaj

fifa, spavento; ansia, apprensione

şmerghel

versi dei gatti in amore o in lotta; urla inumane

şmeşdegh

domestico, addomesticato, coltivato (detto di piante)

şmeşdêr

rimescolare

şmitòun (i)

moine, smorfie, smancerie

şmòj, şmòja

lisciva per il bucato (vedi anche alsia)

şmòlèdegh

flaccido, viscido

şmôrcia

morchia, feccia dell’olio

şmorgàj, şmurgàj

catarro che tossendo si trae dal petto; sputo catarroso

şmumiêres

svegliarsi, darsi una mossa(usato all’imperativo)

smuntlêr

muggire della mucca in calore

şmurtârâs

pallidino, palliduccio, smortino

şmurtarèin

pallidino, palliduccio, smortino

şmurtéss

pallidino, palliduccio, smortino

şnêr

gennaio

snêr

cenare

şnèster

distorsione, in caso di caviglia: storta

snóm (di)

moina, smanceria (fêr di snóm)

şò (zò)

giù (metêr zò, lavêr zò)

sōca

base del tronco di pianta tagliata

s’ocòrr

magari, nel senso di “se avviene, se capita”

sōga, sughètt

fune, corda grossa

sòj

mastello per il bucato

sól

teglia per torte, erbazzone, ecc.

soléi (al)

lato esposto al sole, in contrapposizione a l’albaséin

sólfer

zolfo

sòregh, surghin

topo, topolino

sornaciòun

moccolone

şòta

brodaglia, sbobba, pastone per i maiali

souvermân

Soprammano, anche capacità, esperienza, pratica

şōv

giogo

spadîr

allappare, allegare i denti (spadîr i dèint)

spaj

spaglio, anche spavento improvviso; guizzo fuor d’acqua dei pesci

spatusêr

battere, percuotere; anche stravincere al gioco, soverchiare o sgominare gli avversari

spéch

imprevedibile ed improvvisa trovata estrosa, eccentrica

spernighée

spettinato

spernighêr

spettinare

spèta, vendêr a spèta

dilazione, vendere con pagamento dilazionato

spianêr

sfoggiare, utilizzare per la prima volta

spicajòun (d’in)

di cosa esposta, sporgente, sospesa in precario equilibrio

spîgh

spigolo; angolo; spicchio

spiglêr

spigolare; essere eccessivamente meticolosi

spinciòun

ramo sporgente, acuminato

spiplêr

guardare di sottecchi, osservare minuziosamente

spiura

prurito

splòja

terreno magro, sterile

spóssel

puzzola, catîv c’me un spóssel

sprecaghégna (sprecagrógn)

maltagliati

spréch, sprichêr

spruzzo, spruzzare

sprôch

ramo sporgente

squacêr

scoprire

squēş

espressioni di meraviglia o complimentose

sréşa, srèişa

ciliegia

stablî

intonacato; stampato, spappolato (fig.: al s’è stablì cuntr’a un mur)

stablîr

intonacare

staladî

di alimento o cosa macerata dal tempo

stamp

modo di fare negativo, gestaccio (un brót stamp)

stèinch

rigido, duro, non flessibile (sia per oggetti che per persone)

stergêr

spazzolare, strigliare

stiêr

stendere, spianare (es. la polenta sul tagliere)

stimêres

pavoneggiarsi, compiacersi

stlée

a pezzi, sfinito, stanchissimo, con le ossa rotte

stlèin

i bastoncini più minuti delle potature

stóss

contraccolpo a causa di buche o sconnessioni del terreno

strâm

residuo della mietitura, lettiera di stalla

strambuchêr

inciampare

strangusêr, strangosêr

tossire in modo convulso

straşēda

passaggio nella neve

stravèint (de)

controvento (di pioggia)

strèla buvêra

Venere (astro)

stremnée

disordinato, dispersivo

strîa

strega; focaccia ricoperta con panna

strichêr

strizzare, stringere, anche chiudere

strina

antipatia, astio, avversione

strôpa

rametto verde flessibile

strunfgnée

stropicciato

stûgh

fuscello

stumpaj

tappo di sughero

stupagnîn

ciuffo d’erba

stupiòun (fêr al)

fiordaliso, ( di carne filamentosa)

sturlêr

battere la testa

sturloun

testone, cocciuto, che impara a fatica

sturtèin

anguilla marinata

sucadèl

canaletta di scolo liquami nella stalla

suchèla (in)

a capo scoperto, senza cappello

sugamân

asciugamani; scaltro, volpone

sughêr

asciugare

şughêr

giocare

sulfarèin

fiammifero, zolfanello

şuntêr

congiungere, aggiungere

surbîr (fêr al)

aggiungere un po’ di vino al brodo bollente

surghîn

topolino

surnacêr

tirare su col naso

şuvnôt

giovanotto

şvarulée

di colore o superficie non uniforme, butterata, macchiata

şvètla

ceffone, sventola

şvojêr, şvujêr

srotolare, svolgere


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST

DISCLAIMER | COOKIE POLICY | PRIVACY POLICY