Mòd ed dir

In queste pagine vorremmo elencare i modi di dire specifici del nostro dialetto Reggiano, da quelli più attuali a quelli spariti ormai dall’uso comune, ma che troviamo ancora pieni di fascino.

Andòm a MòdnaQuesto non è un modo di dire ma un bell’esempio di Palindromo in dialetto Reggiano
An gh’è si trist cavagn ch’èn vegna boun na volta l’annNon c’è cosa, per rovinata che sia, che prima o poi non faccia comodo
As pôl mia andêr a mèsa e stêr a càNon si può andare a messa e contemporaneamente restare a casa a fare i propri lavori
Dûr da râderduro da grattugiare, coriaceo, non accomodante
Èsser a la cavdàgnaRidursi sul lastrico
Èsser furob c’me un şdasEsser furbo come un setaccio, cioè far passare il buono e trattenere per sé lo scarto
In mancànza èd cavaj as fa trottèr j’èsenIn mancanza di cavalli vanno bene anche gli asini
I sciflîn bişògna vèndrî quând a gh’é la fēraI fischietti bisogna venderli quando c’è la fiera
Gustós cm’al mèl ed panşaPiacevole come il mal di pancia
Mnèr l’órs a Mòdna Mettersi a impresa da non ne trarre onore, né guadagno.
Quând t’în fèe ‘na bèla ét câsca ‘n’urèciaQuando fai qualcosa di ben fatto ti cade un orecchio (detto di qualcuno che non combina mai niente di buono)
Spènder aquaOrinare

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST