ÊRBI E PIANTI ED RÈŞ – C

La nota Metodologica sulla ricerca eseguita è consultabile qui ►

Nota alla consultazione:
(*) Un asterisco indica termini utilizzati prevalentemente nella zona montana;
(**) Il doppio asterisco indica termini utilizzati prevalentemente nella zona padana.

Per l’intero repertorio è disponibile anche la ricerca a partire dal nome in dialetto nella pagina AL PIANTI IN DAL BAVÓLL ►

Per agevolarne la consultazione abbiamo suddiviso alfabeticamente il repertorio nelle varie pagine dell’elenco sottostante.

| A | B | C | D | E | F | G | I | L |
| M | N | O | P | R | S | T | V | Z |

C


Caglio

Denominazione scientifica:
Galium verum

Denominazione comune:
Caglio zolfino, Erba zolfina, Caglio vero

Denominazione in Arşân:
Êrba di casêr

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Come ricorda il nome scientifico derivante dal greco e indicante il latte,  diverse piante appartenenti a questo genere venivano impiegate per cagliare il latte e produrre formaggio.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Caglio Asprello

Denominazione scientifica:
Galium aparine

Denominazione comune:
Caglio asprello, Attaccamano, Attaccaveste, Attaccaroba, Caglio asperello, Rasparella

Denominazione in Arşân:
Êrba tàca
(Erba che attacca)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Erba dotata di irti aculei reflessi sui fusti e sui frutti, che si attaccano a ogni cosa.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Calcatreppola

Denominazione scientifica:
Eryngium campestre

Denominazione comune:
Calcatreppola campestre, Eringio campestre, Bocca di ciuco

Denominazione in Arşân:
Insalêda di êşen
(Insalata degli asini)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La stessa denominazione Insalata degli asini dentifica anche il  Cardo stellato , il Cardo mariano e altri cardi.
Foto di Sandro Maggia in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Calendula

Denominazione scientifica:
Calendula arvensis

Denominazione comune:
Fiorrancio selvatico, Calendula dei campi

Denominazione in Arşân:
Gâzan, Gazanèla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Luigi Rignanese in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Calepina

Denominazione scientifica:
Calepina irregularis

Denominazione comune:
Miagro rostellato, Calepina irregolare

Denominazione in Arşân:
Êrba radèta, Radèta

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Camedrio

Denominazione scientifica:
Teucrium chamaedrys

Denominazione comune:
Camedrio comune,Camedrio querciola

Denominazione in Arşân:
Êrba quersōla
(Erba querciola)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il termine chamaedrys è riferito al nome latino di una specie di quercia le cui foglie somigliano a quelle del Camedrio. Secondo il Casali anche Êrba da gât (Erba da gatto).
Foto di Giuliano Salvai in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Camomilla

Denominazione scientifica:
Matricaria chamomilla

Denominazione comune:
Camomilla, Camomilla comune, Capomilla

Denominazione in Arşân:
Camoméla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il termine chamomilla deriva  dal greco “chamái” = a terra e per estensione piccolo o nano e “mêlon” = pomo, quindi piccola mela, l’odore dei fiori ricorda vagamente quello delle mele. Una derivazione più diretta dal significato di mela si ha nella denominazione spagnola: camomilla = manzanilla (mela = manzana)
Foto di Matteo Centurelli in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Canapa Acquatica

Denominazione scientifica:
Eupatorium cannabinum

Denominazione comune:
Eupatorium cannabinum

Denominazione in Arşân:
Canvèta
(Canapetta)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Canvèta può essere tradotto con canapetta e riprende pertanto il nome specifico della specie. Cannabinum deriva dal latino cannabina, cannabis= canapa con riferimento all’aspetto fogliare del caule simile a quello della canapa (Cannabis sativa).
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Canapicchio

Denominazione scientifica:
Ajuga chamaepitys

Denominazione comune:
Iva artritica, Camepizio, Camepigio, Canapicchio

Denominazione in Arşân:
Brunèla, Êrba môra

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La denominazione Brunèla indica anche un’altra pianta della stessa famiglia delle Lamiacee, la Prunella vulgaris (vedi alla voce Prunella).
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cannarecchio

Denominazione scientifica:
Sorghum halepense

Denominazione comune:
Sorgo selvatico, Sorgo d’Aleppo, Sorghetto, Melgastro, Canestrello, Cannerecchia, Dente cavallino, Melghetta, Sagginella

Denominazione in Arşân:
Melgâster, Melghèta

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Alla voce Sagginella il Ferrari-Serra riporta la traduzione Mèlga ròssa.
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Canterella

Denominazione scientifica:
Coronilla scorpioides

Denominazione comune:
Cornetta coda di scorpione, Coronilla coda-di-scorpione

Denominazione in Arşân:
Êrba ed sant’Ambrōš, Êrba muròusa
(Erba di Sant’Ambrogio, Erba morosa)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Ricordiamo  una filastrocca, riportata da Mario Mazzaperlini in A’s fa pér môd éd dîr, che attribuisce alla Cornetta le proprietà dell’Erba di sant’ Ambrogio:
Erba ‘d Sant Ambròs / Ch’ét brûs tant cme ‘ fògh
Ch’ét brûs tant cm’al sèl /Fàm vèd’r in dò l’é al mèl

(Erba di Sant’Ambrogio / che bruci tanto come il fuoco
che bruci tanto come il sale / fammi vedere dov’è il male)
Foto di Sergio Picollo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Capelvenere

Denominazione scientifica:
Adiantum capillus-veneris

Denominazione comune:
Capelvenere comune, Capelvenere

Denominazione in Arşân:
Capelvèner, Cavî de stréia, Êrba di pòss
(Capelli di strega, Erba dei pozzi)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il termine dialettale erba dei pozzi fa riferimento alla crescita della pianta su muri umidi e i pozzi. L’epiteto “Capelli di Venere” è dovuto al fatto che, secondo la mitologia romana, quando Venere uscì dalla spuma del mare aveva i capelli asciutti, con riferimento alle proprietà idrorepellenti delle fronde. Da questa proprietà deriva, probabilmente, l’altro  termine dialettale capelli di strega.
Foto di Gianluca Nicolella in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cappero

Denominazione scientifica:
Capparis spinosa

Denominazione comune:
Cappero comune, Cappero, Capparo

Denominazione in Arşân:
Caparèin

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome scientifico, e di conseguenza quello dialettale,  sembra che derivi dall’arabo ” kabar” o ” kappar” oppure è di origine latina in riferimento alla forma del seme simile a un capitello.
Foto di Franco Fenaroli in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Capraggine

Denominazione scientifica:
Galega officinalis

Denominazione comune:
Capraggine, Galega officinale, Capriaggine comune, Avanese

Denominazione in Arşân:
Gâlga, Sanfèin salvâdegh

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il termine  Gâlga e una contrazione di Galega, dal greco “gala” = latte e da “ago” = muovo, smuovo, in quanto la pianta era considerata efficace per stimolare la produzione di latte nelle puerpere.
Sanfèin è la denominazione dialettale di un’altra pianta, la Lupinella.
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Caprifoglio

Denominazione scientifica:
Lonicera caprifolium

Denominazione comune:
Caprifoglio comune, Madreselva comune, Abbracciabosco, Legabosco, Uva di San Giovanni, Manicciola

Denominazione in Arşân:
Caperfòj, Ligabôsch *, Scarbósel *, Mân ed San Zvân

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Ligabôsch  è la traduzione di Legabosco  e deriva dal suo portamento rampicante che spesso avvolge. Da altri nomi comuni della pianta (Uva di San Giovanni – Manicciola) deriva il termine reggiano di “Mani di San Giovanni”.
Secondo alcune ricette il caprifoglio entrava nella miscela di erbe con la quale si preparava l’acqua di San Giovanni la notte tra il 23 e il 24 giugno, ritenuta benefica nella tradizione popolare.
Foto di Silvio Colombo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cardo

Denominazione scientifica:
Silybum marianum

Denominazione comune:
Cardo di Santa Maria, Cardo mariano, Cardo lattario

Denominazione in Arşân:
Carzòun

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Enrico Romani in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cardo dei Lanaioli

Denominazione scientifica:
Dipsacus fullonum

Denominazione comune:
Scardaccione selvatico, Cardo dei lanaioli selvatico, Cardo

Denominazione in Arşân:
Scardâs, Scarzòun

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Gabriella Goffi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cardo Stellato

Denominazione scientifica:
Ptilostemon stellatus

Denominazione comune:
Cardo stellato

Denominazione in Arşân:
Insalêta di êşen
(Insalata degli asini)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La stessa denominazione dialettale identifica la Calcatreppola
Foto di Franco Caldararo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Carice

Denominazione scientifica:
Carex acutiformis

Denominazione comune:
Carice tagliente

Denominazione in Arşân:
Palēdra, Pavēra

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Gli stessi termini dialettali indicano il Falasco. Un modo di dire reggiano per indicare un tipo retrogrado: L’é antigh cm’i bâver ed  pavēra.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cariofillata

Denominazione scientifica:
Geum urbanum

Denominazione comune:
Cariofillata comune

Denominazione in Arşân:
Êrba bendèta, Sarfòj de Spâgna*

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La tradizione associa l’erba benedetta al simbolismo cristiano dal momento che le sue foglie crescono in gruppi di tre (la santa Trinità), e i fiori hanno cinque petali (le ferite di Cristo). Una leggenda associa il nome della pianta a quello di San Benedetto. Essa narra che un monaco portò al santo un calice con del vino al geum urbanum che doveva mascherare il veleno versatovi dentro. Quando San Benedetto lo benedì, il veleno (una sorta di diavolo) volò fuori con una forza tale che il vetro del bicchiere tintinnò e l’intento del monaco fu così smascherato.
La denominazioni comune inglese (St. Benedict’s herb), spagnola (Hierba de San Benito) e francese (Herbe de Saint Benoît) ricordano questa leggenda.
Sarfòj è la denominazione dialettale del trifoglio.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Carlina

Denominazione scientifica:
Carlina acaulis

Denominazione comune:
Carlina bianca, Carlina acaule

Denominazione in Arşân:
Cardòun, Bugnagòun, Êrba dla lumditèe

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
È possibile utilizzare questa pianta come igrometro naturale. Infatti, le squame involucrali esterne sono raggianti con tempo secco mentre si ripiegano con tempo umido. Da qui il termine dialettale “Erba dell’umidità.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Carpinella

Denominazione scientifica:
Ostrya carpinifolia

Denominazione comune:
Carpino nero, Carpinella

Denominazione in Arşân:
Carpanèla, Carpanèla dal Po’, Cherpanèla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Carpino

Denominazione scientifica:
Carpinus betulus

Denominazione comune:
Carpino comune, Carpino bianco

Denominazione in Arşân:
Carpanèin, Carpanèina, Carpanèl, Carpanòt, Carpèn, Cherpanèin, Cherpanèll

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Dalla radice sanscrita “kar” = essere duro, e dal latino “pínus” = pino.
Foto di Graziano Propetto in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Castagno d’India, Ippocastano

Denominazione scientifica:
Aesculus hippocastanum

Denominazione comune:
Ippocastano, Castagno d’India, Castagna matta

Denominazione in Arşân:
Castâgna d’Éndia

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
A dispetto del nome è originario dell’Europa orientale (penisola balcanica, Caucaso).
Foto di Roberta Alberti in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Castagno

Denominazione scientifica:
Castanea sativa

Denominazione comune:
Castagno comune, Castagno

Denominazione in Arşân:
Cast, Castâgna, Castégna*

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
L’importanza alimentare delle castagne è riflesso nei tanti termini specifici che si danno in dialetto alle diverse modalità di cottura: bâler, balos* (castagna lessa), guciaróo (castagne infilate a collana e fatte seccare sotto la cappa del camino); bescôtla (castagna cotta ammorbidita nell’acqua); bruşêda (caldarrosta).
Foto di Graziano Propetto in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Castagnola

Denominazione scientifica:
Scrophularia nodosa

Denominazione comune:
Castagnola

Denominazione in Arşân:
Êrba dal muròidi, Êrba scrófla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome del genere deriva dal latino “scrophulae” = “scrofole” con cui si indicava una malattia della pelle e delle mucose, curata già anticamente con piante di questa famiglia. Un’altra affezione in cui la si impiegava erano le emorroidi.
Foto di Enrico Romani in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cedracca

Denominazione scientifica:
Asplenium ceterach

Denominazione comune:
Cedracca comune, Asplenio cedracca

Denominazione in Arşân:
Êrba ruznèinta

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome dialettale (erba arrugginita) deriva dall’aspetto delle pagine inferiori della felce, di color marrone-ruggine per la presenza degli sporangi, riuniti in sori, ripieni di spore.
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Celidonia

Denominazione scientifica:
Chelidonium majus

Denominazione comune:
Erba da porri, Celidonia, Chelidonia,  Cenerógnola

Denominazione in Arşân:
Êrba da pôr, Êrba sedrògna, Gherlingbèsa*

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La pianta produce un lattice color arancio un tempo utilizzato per la sua azione caustica sulle verruche (o porri).
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cencio Molle

Denominazione scientifica:
Abutilon theophrasti

Denominazione comune:
Cencio molle, Altea di Teofrasto, Abutilo di Avicenna

Denominazione in Arşân:
Abùtilon, Bùtilon

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La denominazione dialettale ricalca il nome del genere,  è di origine araba è significa “Malva indiana”
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Centaurea

Denominazione scientifica:
Centaurea solstitialis

Denominazione comune:
Fiordaliso solstiziale, Fiordaliso giallo, Calcatreppola gialla, Centaurea del solstizio, Spino giallo

Denominazione in Arşân:
Êrba dla Madòna

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Alla Madonna sono dedicate molte piante. Dopo la Balsamita (Tanacetum balsamita), la Bugola (Ajuga reptans ), il Cardo Mariano, troviamo questa bella Centaurea.
Foto di Antonino Messina in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Centaurea Minore

Denominazione scientifica:
Centaurium erythraea

Denominazione comune:
Centauro eritreo, Caccia febbre, Centaurea minore, Centauro maggiore

Denominazione in Arşân:
China salvadga, Êrba da fréva, Êrba chîna

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Le denominazioni dialettali riportano tutte alle proprietà antipiretiche attribuite alla pianta (china = chinino, farmaco utilizzato un tempo per le febbri malariche).
Foto di Nicola Testa in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Centonchio

Denominazione scientifica:
Lysimachia arvensis

Denominazione comune:
Centonchio dei campi, Anagallide dei campi, Mordigallina, Bellichina

Denominazione in Arşân:
Êrba dal galèini, Êrba ranèina

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Secondo alcune fonti, pianta velenosa, mangiata solo dalle galline; secondo altre fonti le parti aeree della pianta, risultano particolarmente tossiche per gli animali di piccola taglia e per gli uccelli.
Foto di Silvio Colombo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cerfoglio

Denominazione scientifica:
Anthriscus sylvestris

Denominazione comune:
Cerfoglio selvatico, Cerfoglio dei prato, Antrisco silvestre

Denominazione in Arşân:
Êrba béra, Êrba s‘ciofa

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Alberto Manganaro in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cerro

Denominazione scientifica:
Quercus cerris

Denominazione comune:
Quercia serro, Cerro

Denominazione in Arşân:
Sèrr

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Graziano Propetto in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cetino dei Campi

Denominazione scientifica:
Gypsophila vaccaria

Denominazione comune:
Cetino dei campi, Vaccaria di Spagna

Denominazione in Arşân:
Dòuls pcòun, Pcòun dòuls

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Pianta data per estinta in Emilia Romagna, qui inclusa per la sua eleganza e la bellissima denominazione dialettale. Sperando di ritrovarla un giorno…
Foto di G.Gestri in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicerbita

Denominazione scientifica:
Cicerbita alpina

Denominazione comune:
Cicerbita violetta, Cicerbita alpina, Lattuga alpina

Denominazione in Arşân:
Lataşèin, Latanşèin

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicerchia

Denominazione scientifica:
Lathyrus pratensis

Denominazione comune:
Cicerchia de’ prati, Cicerchia dei prati, Erba galletta

Denominazione in Arşân:
Sişèrcia

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Anja Michelucci in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Ciclamino

Denominazione scientifica:
Cyclamen hederifolium

Denominazione comune:
Ciclamino napoletano, Pamporcino

Denominazione in Arşân:
Ciclamèin, Pân purslèin

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il tubero di tutti i ciclamini contiene una saponina altamente tossica, ma può essere mangiata senza danno dai maiali (da cui il nome di Pan porcino),
Foto di Anja Michelucci in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicoria

Denominazione scientifica:
Cichorium intybus

Denominazione comune:
Cicoria comune, Cicoria selvatica, Radicchio

Denominazione in Arşân:
Radécc, Radétt

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Dal latino volgare radìculum, diminutivo di ràdix= radice, quindi piccola radice.
Curiosamente il termine radécc compare in diverse espressioni dialettali  come: fêr ‘na curva  (o vultêda) a radécc (fare una curva stretta e veloce);  cavêr a radécc (estirpare qualcosa con movimento  circolare come quando si estirpa da terra il radicchio), magnêr i radécc da’l raîs (essere morto e sepolto); và a radécc! (va al diavolo!).
Foto di Franco Giordana in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicoria Dentellata

Denominazione scientifica:
Crepis vescicaria

Denominazione comune:
Radicchiella vescicosa

Denominazione in Arşân:
Risòun, Sprèla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Risòun viene sicuramente dalla forma arricciata delle sue foglie, mentre più difficile risulta l’interpretazione di sprèla che può richiamarsi sia al sapore amaro, asprello, che alla forma di stella (come deformazione di strèla, stella) assunta dalle sue foglie quando sono ancora tenere e aderenti al terreno.[RB-GB]
Foto di Vito Buono in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicuta

Denominazione scientifica:
Conium maculatum

Denominazione comune:
Cicuta maggiore

Denominazione in Arşân:
Cicûta, Êrba umberlèina, Sicûda, Umberlèin

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome dialettale fa riferimento alla forma ad ombrello delle infiorescenze.
Foto di Nino Messina in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cicutaria

Denominazione scientifica:
Erodium cicutarium

Denominazione comune:
Becco di grù comune, Becco di grù cicutario, Cicutaria

Denominazione in Arşân:
Êrba arlòja

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Non si è trovato alcun riscontro per spiegare questa curiosa denominazione dialettale (erba orologio). Forse la presenza sul seme di un meccanismo spirale che funziona come una molla per la sua dispersione può vagamente assomigliare alla molla di un orologio?
Foto di Daniela Longo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Ciliegio

Denominazione scientifica:
Prunus avium

Denominazione comune:
Ciliegio, Ciliegio selvatico

Denominazione in Arşân:
Srèişa, Srèşa

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Si ricorda anche un’altra  specie (Prunus Cerasus L.) nelle varietà marèinamarasca.
Foto di Villiam Morelli in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cinoglossa

Denominazione scientifica:
Cynoglossum officinale

Denominazione comune:
Lingua di cane vellutina, Lingua di cane officinale, Erba vellutina, Cinoglosso, Cinoglossa

Denominazione in Arşân:
Léngua ed cân

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Lingua di cane” per la forma e consistenza delle foglie.
Foto di Daniela Longo in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cinquefoglia Fragolaccia

Denominazione scientifica:
Potentilla rupestris

Denominazione comune:
Cinquefoglia delle rupi

Denominazione in Arşân:
Frâvla mâta

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Attilio Marzorati in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cipero

Denominazione scientifica:
Cyperus flavescens

Denominazione comune:
Zigolo dorato, Cipero giallastro

Denominazione in Arşân:
Quadrèll **, Quadreètt **, Teriângol

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
La mancanza di ulteriori specificazioni del Cipero cui si fa riferimento nel vocabolario Ferrari-Serra rende impossibile una precisa identificazione della specie. Si è scelto di presentare il Cyperus flavescens, specie presente in pianura-collina, risaie e prati umidi. Il riferimento della denominazione dialettale alla figura del triangolo è comunque appropriata in quanto il termine Cyperus deriva dal greco “kýpeiros” = giunco con spigoli.
Foto di Franco Giordana in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cipresso

Denominazione scientifica:
Cupressus sempervirens

Denominazione comune:
Cipresso comune

Denominazione in Arşân:
Alsiprèss, Arsiprèss, Siprèss

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome dialettale deriva chiaramente da quello del del genere e questo a sua volta deriva probabilmente da ‘Cyprus‘, nome latino dell’isola di Cipro. La radice della parola potrebbe trovare la sua origine nell’ebraico ‘gofer‘, balsamo, per il contenuto di resine della pianta. Altre fonti lo fanno derivare dalla mitologia greca. Un figlio di Telefo di nome ‘Kyparissos‘ possedeva un cervo come compagno, regalatogli da Apollo, ma lo uccise incidentalmente con un dardo. Ne rimase tanto sconsolato che il dio trasformò il giovane in un cipresso.
Foto di Stefano Michelucci in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cocomero asinino

Denominazione scientifica:
Ecballium elaterium

Denominazione comune:
Cocomero asinino

Denominazione in Arşân:
Schisètt, Sedròun salvâdegh

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il primo termine significa “schizzetto” per la proprietà del frutto che, se sfiorato a maturazione, esplode lanciando lontano i semi.
Il secondo termine significa cetriolo selvatico: cetriolo e cocomero asinino appartengono entrambi alla famiglia delle Cucurbitacee.
Foto di Patrizia Ferrari in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Coda di Topo Ovata

Denominazione scientifica:
Alopecurus utriculatus

Denominazione comune:
Coda di topo ovata

Denominazione in Arşân:
Êrba budsèla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Franco Giordana in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Colchico

Denominazione scientifica:
Colchicum lusitanum

Denominazione comune:
Colchico portoghese

Denominazione in Arşân:
Fiòur dal frèdd
(Fiore del freddo)

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Fiore del freddo per la fioritura fino all’inizio dell’autunno. Una avvertenza: pianta estremamente velenosa e spesso confusa con lo zafferano.
Foto di Patrizia Ferrari in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Consolida Maggiore

Denominazione scientifica:
Symphytum officinale

Denominazione comune:
Consolida maggiore, Orecchia d’asino

Denominazione in Arşân:
Consòlida, Urècc d’ êşen, Urècc ed pégra

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il termine consòlida  deriva dalla traduzione del termine greco originale (saldare = consolidare), e conferma il tradizionale uso in caso di fratture ossee.
Foto di Graziano Propetto in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Convolvolo

Denominazione scientifica:
Convolvulus arvensis

Denominazione comune:
Vilucchio comune, Convolvolo comune

Denominazione in Arşân:
Campanlôs, Campanôs, Campanòun, Vlócc

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
I termini dialettali fanno riferimento alla forma a campana del fiore e al comportamento rampicante ed avvolgente della pianta.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Corniolo

Denominazione scientifica:
Cornus mas

Denominazione comune:
Corniolo maschio, Corniolo, Corgnolo

Denominazione in Arşân:
Curnêl

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il nome del genere ha radice indoeuropea “kar” = essere duro, passando al latino “cornus” = corno, a sottolineare il legno duro e robusto.
ll suffisso latino “mas” = maschile (quindi forte, robusto) sembrerebbe contrapporsi al Corniolo sanguinello, denominato da Plinio Cornus “femina” a legno fragile.
Foto di Patrizia Ferrari in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Corniolo Sanguinello

Denominazione scientifica:
Cornus sanguinea

Denominazione comune:
Corniolo sanguinello, Sanguinella

Denominazione in Arşân:
Sangunèina, Sangunèla

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Il riferimento al sangue è dovuto alla colorazione rossa dei ramuli e delle foglie in autunno.
Foto di Villiam Morelli in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Correggiola

Denominazione scientifica:
Polygonum aviculare

Denominazione comune:
Poligono centinodia, Poligono degli uccelli, Poligono centinoda, Correggiola, Centinoda

Denominazione in Arşân:
Curzulèina, Êrba curzōla, Tirabò

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Secondo la Treccani, il nome della pianta deriverebbe dalla forma delle foglie, simile ad una correggia.
Foto di Marinella Zepigi in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Covetta dei Prati

Denominazione scientifica:
Cynosurus cristatus

Denominazione comune:
Covetta dei prati, Coda di cane crestata, Coda di cane, Ventolana, Ventolina

Denominazione in Arşân:
Cuvèta

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Enrico Romani in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Crescione

Denominazione scientifica:
Nasturtium officinale

Denominazione comune:
Crescione d’acqua

Denominazione in Arşân:
Chersòun

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Gianluca Nicolella in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Crespino

Denominazione scientifica:
Berberis vulgaris

Denominazione comune:
Crespino comune

Denominazione in Arşân:
Gherpsèin, Óva ed la Madòna

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Foto di Giuliano Salvai in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


Cuscuta

Denominazione scientifica:
Cuscuta europaea

Denominazione comune:
Cuscuta europea, Capelli d’angelo, Capellini, Refe del diavolo, Erba ragna

Denominazione in Arşân:
Cavilèin, Cavilèina, Cavilin, Grònghel, Ranîne **, Revcùcc *, Rèiv dal cóch, Rèiv dal diêvel

a
a
a
a
a
a
a

Note e Crediti
Pianta infestante e probabilmente per questo definita  “del diavolo”. “Rèiv” significa letteralmente = refe (filo resistente formato da più capi).
Foto di Franco Giordana in: www.floraitaliae.actaplantarum.org


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RICEVERE OGNI VOLTA LA SEGNALAZIONE DI UN NUOVO POST